Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)

Pietro TESTA detto il Lucchesino (1612–1650)

Venditore
Galleria L'Estampe
Prezzo di listino
$1,932.33
Prezzo scontato
$1,932.33
Prezzo di listino
Venduto
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Chi cammina per la via della Virtù con la scorta del lume della Sapienza non può fare a meno che la fama non li appressi Corone e trionfi. Acquaforte originale, mm 575x413.  Splendida prova, chiara, fresca e perfettamente inchiostrata. Un antico restauro all'angolo superiore destro databile al XVIII secolo e altre minute suture ai margini; lievi rossori, altrimenti in eccellenti condizioni di conservazione. Seconda variante dedicata a Giovanni Tomaso Rondenino, Cavaliere Gerosolimitano. Reca al verso una nota manoscritta del celebre mercante parigino Naudet (Chez Naudet, Marchant au Louvre, 1804), cui appartenne. 

Giunto a Roma già prima del 1630, dapprima frequentò la bottega del Domenichino, per divenire nei primi anni Trenta allievo di Pietro da Cortona. Tra le non innumerevoli opere realizzate, anche a causa della sua breve vita, vi sono il Paesaggio con satiri, ora esposto alla Galleria Corsini, il Paesaggio idilliaco, conservato alla Galleria Doria Panphilij e la Presentazione della Vergine al Tempio, oggi all'Ermitage.

Pietro Testa fu apprezzatissimo pittore e valente incisore. Disegnatore di talento, il suo stile, non insensibile alla lezione di Caravaggio, raccoglie  e rielabora con talento le suggestioni dei suoi maestri in un contesto manierista di qualità ed eccellenza.

(Bibl.: Adam Bartsch, Le Peintre Graveur, XX, 135, 33)

 

Torna su