Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
  • Load image into Gallery viewer, Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
  • Load image into Gallery viewer, Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
  • Load image into Gallery viewer, Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)
  • Load image into Gallery viewer, Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)

Simone CANTARINI detto il Pesarese (Pesaro 1612-Bologna 1648)

Vendor
Galleria L'Estampe
Regular price
€900,00
Sale price
€900,00
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included.

Sacra Famiglia con Sant'Elisabetta e San Giovannino. Acquaforte originale cm 12,4x19,2, impressa nel primo stato su due, su carta con filigrana "ancora nel cerchio e stella". Sottile margine visibile a tratti oltre l'impronta del rame. Reca al verso il timbro della collezione Grecchi. In perfetto stato di conservazione. Tavola molto rara.

Le opere di Simone di Pesaro sono rare e molto ricercate. Furono spesso confuse dai commentatori antichi con quelle del suo maestro Guido Reni, cui anche questa tavola fu erroneamente attribuita, come dimostra il pur raro secondo stato, nel quale viene inserita l'attribuzione al maestro bolognese. Nelle opere di Simone Cantarini e soprattutto nelle raffinatissime incisioni emerge la fluidità del tratto che appare disinvolto e "disegnato", abilità esclusiva di pochi grandi incisori italiani alla quale gli artisti nord europei guardavano con ammirazione già dal secolo precedente. Il gesto grafico così naturale era particolarmente efficace alla raffigurazione della semplicità cui si volevano ispirare le scene rappresentate, che venivano restituite, pur nel loro elevato contenuto mistico, a una sorta di apparente e quotidiana normalità.

(Bibl. Bartsch, XIX, 82, 10; Bellini 21, I/II)

Torna su