Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
  • Load image into Gallery viewer, Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
  • Load image into Gallery viewer, Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
  • Load image into Gallery viewer, Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)
  • Load image into Gallery viewer, Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)

Filippo THOMASSIN o TOMMASINI (Troyes 1562-1622 Roma)

Vendor
Galleria L'Estampe
Regular price
$1,164.51
Sale price
$1,164.51
Regular price
Sold out
Unit price
per 
Tax included.

Estasi di Santa Cecilia. 1617. Splendido, magnifico grande bulino su rame, cm. 47,5x31,6.

Dal celebre soggetto di Raffaello, dipinto quest’ultimo per la cappella di Elena Duglioli dall’Olio in San Giovanni in Monte a Bologna. Come in altri casi, Raffaello fu interprete di un tema iconografico che ebbe grande fortuna nel secolo successivo, quello dell’estasi. Nel dipinto non viene rappresentata la divinità, ma cinque santi (Paolo, Giovanni, Agostino e Maddalena) che interiorizzano, ciascuno secondo il proprio carattere, la propria esperienza mistica. Santa Cecilia volge lo sguardo al coro angelico, rapita dalla visione celeste; rendendosi conto della superiorità di quella melodia è ritratta nell’atto di abbandonare a terra i suoi strumenti musicali. Magnifica la natura morta costituita dagli strumenti in primo piano, realizzata, secondo il Vasari, da un allievo di Raffaello, Giovanni da Udine.

Splendida prova, chiara, fresca e perfettamente inchiostrata. Reca, all'angolo inferiore destro, le tracce di un timbro a secco di collezione non nota a Lugt (somigliante a L337a). Margine di un centimetro e oltre al di là del trait carré. Foglio in eccellenti condizioni di conservazione.

Rif. bibl.: Bury, The Print in Italy 1550–1620, British Museum Press, 2001; Pagani, Philippe Thomassin’s engraved plates after 1602, Print Qarterly Pub., 2016.

Torna su